MILLE MIGLIA 2018: IERI COME OGGI, IL TRIONFO DI ALFA ROMEO

Sabato 19 maggio si è conclusa la Mille Miglia 2018, un’edizione da record che ha visto splendere il rosso Alfa, in trionfo come 90 anni fa, occupando tutti i gradini del podio.

La “gara più bella del mondo” è stata vinta dall’ Alfa Romeo 6C 1500 GS Testa Fissa con equipaggio Tonconogy-Ruffini. Al secondo posto, la stupenda 6C 1500 Super Sport del 1928, carrozzata dagli Stabilimenti Farina, mentre l’Alfa Romeo 6C 1750 SS Zagato, condotta dal gruppo Vesco-Guerini, si è classificata terza.

Con 371 equipaggi arrivati al traguardo, 900 persone provenienti da 34 Paesi diversi e 1.743 km percorsi, quella del 2018 è stata sicuramente un’edizione dai grandi numeri, ma è impossibile non citare i nomi illustri che hanno contribuito al suo clamoroso successo.

A bordo delle storiche Alfa abbiamo visto competere infatti il pilota Derek Hill e il bassista dei Coldplay Guy Berryman, il cantante dei Litfiba Piero Pelù, oltre a Mr JWW e Sam “seenthroughglass”, opinion leader del mondo automotive sui social media.

Raphaël Spezzotto-Simacourbe e Riccardo Pozzoli, volti e personaggi noti del mondo digitale, hanno seguito alcune tappe della gara, raccontando storie ed emozioni di questo corsa unica al mondo.

Da non dimenticare poi la presenza di Marcus Ericsson e Charles Leclerc, i piloti del Team Sauber F1, che oltre a premiare i vincitori hanno guidato anche una Gran Premio Tipo B del 1932 e una 750 Competizione del 1955, sul tracciato del Museo Storico Alfa Romeo di Arese.

"Popolare ma elitaria, tecnica ma accessibile a tutti", come è stata descritta la Mille Miglia dal suo Presidente, Aldo Bonomi, la gara ha visto folle in festa ad ogni sua tappa, celebrando anche quest’anno lo stile e la meccanica di Alfa Romeo, una leggenda che continua a emozionare, oggi come ieri.